Sguardo su una vita di letture (parte prima)

images

Spesso si sente chiedere “qual è il libro che ti ha cambiato la vita?” È una domanda difficile. Io non so rispondere. Sono una forte lettrice e tanti libri mi hanno dato qualcosa, molti mi sono rimasti impressi per alcune caratteristiche, altri mi hanno lasciata indifferente e tanti non mi sono piaciuti.

Ho cominciato a leggere molto fin dalle elementari. Ricordo che avevo appena saputo che Santa Lucia non esiste e che sono i genitori a comprare i regali – quindi potevo avere 6 anni – e io ho chiesto a mia madre di comprarmi il libro Cuore di De Amicis.

Non so perché desiderassi quel libro; forse era stata proprio mia madre a parlarmene e non ricordo nemmeno l’effetto che ebbe su di me dopo averlo letto. Ma credo non mi fosse piaciuto tanto.

 Poi arrivò il libro che ha cambiato qualcosa nella mia vita. Piccole Donne della Alcott. Ricordo che il personaggio di Jo mi piacque immediatamente. A 10 anni non ero certo in grado di fare un’analisi del romanzo, dei personaggi e tanto meno della struttura, ma quella ragazza così indipendente mi piaceva moltissimo. Era quella che si ribellava alle convenzioni e io volevo essere come lei.( Qualche scintilla di ribellione ce l’avevo fin da piccola. Ho trovato il libro Pinocchio che mi fu regalato nel 1961 – avevo 6 anni – con la seguente dedica: Con la raccomandazione di essere sempre brava e ubbidiente. Ho letto il libro e, mentre lo leggevo, come odiavo quel petulante grillo parlante!)

Direi che Jo mi ha fatto capire che le donne potevano fare tutto quello che facevano gli uomini. Non è poco per una nata nel 1955 e che ha ricevuto un’educazione piuttosto rigida e cresciuta con donne forti, ma che comunque pensavano che “l’uomo è il capofamiglia”.

Alle medie ho cominciato a leggere qualche classico, ma soprattutto mi colpì già allora la Divina Commedia. La mia insegnante di lettere ci fece leggere e studiare a memoria alcuni canti dell’Inferno (il primo canto, Farinata, Ulisse, Paolo e Francesca). Evidentemente l’insegnante era molto brava, perché non è semplice fare amare Dante in terza media.

Poi, a partire dal ginnasio, sono cominciate le letture di Calvino, Pavese, Sciascia, Moravia e tutti gli autori contemporanei. Mi colpì molto Cronache di poveri amanti di Pratolini, ma soprattutto Una questione privata di Fenoglio. In quinta ginnasio, naturalmente abbiamo letto I Promessi Sposi, ma non li ho amati molto, non ne avevo nemmeno capito l’importanza. Però, quando mia figlia lo dovette leggere in quinta ginnasio, io lo ripresi in mano e allora sì ne colsi la magnificenza e ho capito che è davvero un capolavoro. Forse quando si hanno 15 anni, si preferiscono altre cose.

 Ma la grande scoperta e il grandissimo amore del liceo fu il teatro greco. Eschilo, Sofocle ed Euripide. Mi innamorai di loro e delle loro opere grazie al professore di latino e greco che metteva un tale entusiasmo e una tale passione quando spiegava il teatro che andai in biblioteca a fare incetta dell’opera omnia dei tre tragediografi (letta in italiano, non in greco).

La mia passione per la lettura continuò senza un attimo di pausa e, all’università, ho scoperto la grande bellezza della letteratura francese. Un’opera però su tutte Mémoires d’Hadrien di Marguerite Yourcenar. Un capolavoro che ho riletto più volte. La grande figura di Adriano mi ha sempre molto affascinato, soprattutto la parte che riguarda l’amore per la cultura greca. Indimenticabile e alquanto significativa la frase:” Ho governato in latino, ma ho vissuto in greco”!

Continua…..

3 pensieri riguardo “Sguardo su una vita di letture (parte prima)”

  1. Una bellissima ricostruzione dell’amore crescente per la lettura. Un invito a dedicare il proprio tempo a qualcosa che può cambiare la visione del mondo e a confortarci nelle nostre scelte di vita. Mi auguro che molti prendano spunto da questa testimonianza e ne seguano gli insegnamenti. Aspettiamo il seguito che ci regalerà sicuramente un ulteriore arricchimento. Rossana Battilana

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...