“Lo Schiaffo” di Christos Tsiolkas

Lo schiaffo è il titolo di un libro dell’australiano di origine greca  Christos Tsiolkas.

Il titolo – della traduzione italiana ovviamente perché non conosco il titolo originario in lingua – va al cuore della narrazione.

Lo schiaffo può essere un atto violento, soprattutto se ai danni di un bambino di 4 anni che però, forse e  in altri tempi ( i nostri tempi),  gli sarebbe stato ben dato – ovviamente non da un estraneo ma dai propri genitori – ma questo è un’altra questione.

 Ma può anche essere, lo schiaffo, un atto  “disvelatore” dell’animo umano, che scava nei sentimenti delle persone, che mette in luce ciò che si è (il frutto della nostra educazione, dell’amore e degli accudimenti ricevuti o meno dai nostri genitori, degli eventi e  accadimenti della vita, etc) ..insomma che ci mostra per quello che realmente siamo: persone fragili ma anche forti, generose ma anche egoiste, desiderose di amore e attenzioni ma anche invidiose e vendicative,…

La struttura del romanzo, corposo (l’ho letto nella edizione economica Neri Pozza che lo ha proposto in 537 pagine) si snoda attraverso un racconto con un focus centrato su 9 personaggi cui Tsiolkas dedica un capitolo: Hector, Anouk, Aisha, Connie, Richi, Manolis, Harry, Rosie, Gary,  un mixed  di cultura e provenienza ma tutti facenti parte della comunità di Melbourne, legati tra loro da rapporti di amicizia, matrimonio, parentela, lavoro, .; rapporti  tutti intensi, significativi che si intrecciano, si mescolano e parlano di amore, tradimenti, violenze coniugali, tensioni famigliari ma anche di desideri, speranze e amicizie, vecchie e nuove.

Non suscitano però simpatia i personaggi del romanzo tutti comunque autocentrati, fatta eccezione per i due giovani Connie e Rchi, anche loro comunque tormentati e con un futuro che li attende ma che faticano ad intravvedere.

Gli adulti, chi più chi meno, oscillano tra bassezze, rancorosità anche nelle relazioni intime e di amicizia, mettendo in luce una generazione (anzi due) che si è creata un castello di falsità e bassezze che un piccolo gesto – lo schiaffo – ha portato alla luce con una evidenza sconcertante.

Non c’è, per me, una morale. C’è una constatazione rassegnata dell’autore che forse consegna – ripeto forse – alla generazione più giovane il testimone.

Ne consiglio la lettura perché la struttura del romanzo e l’incedere della narrazione ti portano continuamente a oscillare tra  opposti sentimenti: dall’empatia e dalla comprensione alla condanna e disapprovazione dei comportamenti dei singoli personaggi e delle dinamiche che scatenano,  altalenanti e in una sconcertante successione che alla fine ti impediscono di “assolvere” anche quelli che inizialmente ti avevano conquistato.

Insomma una “ginnastica” emotiva…. più “aerobica” che  ” stretching”

Un pensiero riguardo ““Lo Schiaffo” di Christos Tsiolkas”

  1. La recensione mi ha spinta a leggere il romanzo. Davvero bello! Tutti i personaggi sono ben delineati e approfonditi. Oltre ai personaggi, c’è anche la descrizione di un paese, l’Australia, che accoglie tutti, ma che non integra tutti, Dalle descrizioni dei paesaggi, dei quartieri, delle strade e delle case esce un paese un po’ squallido e triste, un paese poco invitante. e succede ogni volta che leggo qualcosa ambientato in Australia . E’ forse per questo che l’Australia non è mai sta nella lista dei miei sogni di viaggio?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...