The Handmaid’s Tale

di Federica Sabelli
The_Handmaid's_Tale_intertitle.png
Il Racconto dell’Ancella” parla della società di Gilead, un tempo conosciuta come Stati Uniti d’America. A forte stampo religioso e misogina fino all’osso, questa società si è imposta cancellando qualsiasi opposizione con la violenza e facendosi portatrice di un ritorno dei valori tradizionali come unica alternativa per la salvezza.
Sono sempre di meno infatti le donne fertili che riescono ad avere figli. Un po’ con law3yn9m9s-1490826576.jpg scusa della religione (perché qui il punto non è quello), un po’ con la scusa del salvare la razza umana, gli uomini hanno ristabilito il ruolo della donna creando la figura di ancella.
Le ancelle, le ultime donne fertili, sono schiave sessuali che vengono di volta in volta messe a disposizione delle famiglie più benestanti che non possono avere figli.
Ma il punto, e qui vediamo la genialità di questa serie, non è neppure lo stupro. Quando si parla di una serie femminista (e non senza ragione visto che l’ha scritta Margaret Atwood, femminista e attivista) non se ne parla per via delle violenze presenti contro le donne, e neppure perché viene mostrata una società in mano esclusivamente agli uomini. Nessuno di questi è il punto.
Il punto, quello che davvero rende femminista questa serie, è la totale assenza di solidarietà tra donne. Le donne delle famiglie benestanti trattano le ancelle a loro servizio come oggetti, come incubatrici per i loro figli. Non sanno immedesimarsi, né in quanto esseri umani, né, più grave, in quanto donne anche esse. Sono loro più di tutte a essere misogine, loro che sono gelose perché le ancelle vengono stuprate dai loro mariti, loro che danno alle ancelle nomi tutti uguali per non dover ricordare a loro stesse che si trovano di fronte ad altre donne.
D’altronde è la stessa Atwood a dire: 
“Sì, le donne fanno branco contro altre donne. Sì, sono pronte ad accusare altre per sviare le attenzioni da sé stesse: nell’era dei social media questo sciame che attacca è una cosa che è spesso sotto i nostri occhi. Sì, ben volentieri le donne assumono posizioni di potere nei confronti di altre donne, anche quando fanno parte di sistemi sociali in cui le donne nel loro complesso hanno scarso potere. Ogni piccola quantità di potere è pur sempre meglio che niente.”
Ed è per questo, fondamentalmente, che consiglio la visione di questa serie.
handmaids_tale_1050x700

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...