Cosa c’è che non va in “Sense8” stagione 2

Sense8 (1)

Sense8” è la serie che dal 2015 si può trovare su Netflix. È stata creata e diretta dalle sorelle Wachowski, famose per aver creato l’universo di “Matrix”.

La prima stagione è stata rilasciata su Netflix il 5 giugno 2015 e consiste di 12 episodi, ognuno dei quali fondamentale per introdurci all’universo unico e intricato in cui si trovano i protagonisti. dopo uno speciale andato in onda a Natale 2016, la seconda stagione è stata resa disponibile il 5 maggio 2017.

Quando consiglio questa serie a qualcuno, dico sempre che si deve vedere almeno le prime 4-5 puntate per intuire cosa sta guardando e perché sia così speciale.

Sense8

Per me, in particolare, la quarta puntata, “What’s Going On?” è stata la svolta che mi ha fatto innamorare di questa serie e della canzone “What’s Up” dei 4NonBlondes. Ma non dirò altro, perché, come molti altri elementi che caratterizzano questo prodotto televisivo, non si può tradurre in parola una scena come questa, si può solo vederla e “viverla”.

In “Sense8” l’estetica e, soprattutto, l’importanza dell’universo sensoriale sono evidenti. L’ambientazione ha sempre un ruolo di primo piano, in tutte e due le stagioni. Proprio per questo, gli attori e tutta la troupe hanno veramente girato il mondo per filmare i 12 episodi della prima stagione e gli 11 della seconda. Per ogni scena che si svolge in Africa, erano tutti in Africa, per quelle in Islanda stessa cosa, così come per quelle in India, in Germania, negli Stati Uniti, in Messico. Tutto vero, tutto autentico (si può capire meglio cosa intendo guardando il “Behind the Scenes” che si può trovare su Netflix).

Se la prima stagione ci serve per conoscere gli otto protagonisti e per farci comprendere cosa sono i sensate, come funzionano i loro sensi, cosa significa che sono collegati tra di loro, che uno può entrare nella testa dell’altro, che si possono aiutare a vicenda pur essendo agli antipodi del mondo, nella seconda tutto questo è superato, conosciamo già le regole, abbiamo fatto il giro di prova, e siamo pronti a buttarci.

E la Wachowski questo lo hanno capito benissimo. E ripartono con un “Sense8” 2.0. Non ci sono ripetizioni. Pur conoscendo già il processo grazie al quale i sensate possono comunicare senza che nessuno all’esterno lo sappia, non ci possiamo annoiare.

Screen-Shot-2016-12-28-at-9.50.46-PM.png

Alcuni elementi molto visibili nella prima stagione, come le scene di sesso, realizzate egregiamente, nella seconda stagione hanno molto meno spazio, se non in modo inedito rispetto a ciò che si era già visto. E anche nel sesso, si può comprendere quanto tutti siano collegati tra di loro. Come ho detto prima, difficile da spiegare, bisogna guardarla per capire cosa intendo.

Ma quello che viene accentuato in questa nuova stagione è la solidarietà tra i sensate che diventano una vera e propria famiglia. Ognuno comprende perfettamente quello che provano gli altri, non ci sono discussioni, non ci sono collusioni, tutti aiutano tutti, sia che si tratti di aiutare Sun, la cinse, a scappare da una prigione in cui non merita di stare, sia che serva per aiutare Wolfgang, il tedesco, a risolvere i suoi problemi con la mafia, o ancora, che serva per aiutare Kala a sposare un uomo di cui non è innamorata. Tutto ha senso. Non c’è etica o morale che regga, perché tutti sono uno.

E tutto fila liscio. Non ci sono interruzioni, non ci sono incidenti di percorso. Ogni puntata scivola nell’altra, ancora di più in questa stagione che nella precedente. “Sense8” non rientra in un genere televisivo: è uno stile. Inimitabile. Nessuno ci riuscirebbe così bene. Non ci sono temi scomodi che si preferisce evitare: si passa dalla politica corrotta in Africa alla (non) accettazione del cambiamento di sesso di Nomi da parte dei genitori, alla sofferenza immane di Riley per la perdita di marito e figlio. Tutto è permesso. E tutto è azzeccato.

the-cast-of-sense8-season-2-includingdoona-bae-jamie-clayton-tina-desai-toby-onwumere-max-riem

Quindi, ricapitolando, cosa c’è di sbagliato in “Sense8” stagione 2? Assolutamente niente. Guardatela. Adesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...