Lovesick

scrotalrecall.0.0.jpgDylan è un uomo sulla trentina che vive a Londra insieme ai suoi due migliori amici, Luke e Evie. Un giorno si accorge di avere contratto una malattia venerea, quindi è costretto a ricontattare tutte le ragazze con cui è andato a letto e a cui potrebbe avere trasmesso la malattia.

Questa, in breve, è la storia che viene raccontata in “Lovesick”. Due stagioni, 14 episodi da 20 minuti l’uno in tutto.

Questa serie è stata ideata nel 2014 da Tom Edge ed è andata in onda su Channel 4. Nel 2016, Netflix ha comprato i diritti e ha deciso di produrre una nuova stagione. E meno male che lo ha fatto!

I primi sei episodi sono molto carini e divertenti, ma la seconda stagione è scritta su un livello superiore.

Dal punto di vista della produzione, Netflix non ha cambiato molto, tanto che non si nota la differenza tra prima e seconda stagione. Ma alla storia iniziale si sono aggiunti molti più strati, mantenendo sempre la comicità ed ironia tipici delle comedy britanniche.

landscape-1469636852-scrotal-recall

Dylan è interpretato da Johnny Flynn, famoso anche per essere il cantante del gruppo Johnny Fynn and the Sussex Wit. E’ un protagonista simile a molti che si vedono nelle serie di oggi: non sa che strada prendere, che lavoro fare, non vuole “diventare grande”. Rispecchia in parte la realtà di oggi, dove i giovani devono lottare anche solo per trovare un primo lavoro e quindi preferiscono restare gli eterni bambini.

Luke, il suo migliore amico, il cui unico scopo della vita sembra essere quello di portarsi a letto il maggior numero di donne possibile (anche se si scoprirà che forse dietro questo comportamento c’è un motivo ben più doloroso) è interpretato da Daniel Ings che in queste settimane si può incontrare anche in un amico del Principe Filippo in The Crown.

Infine, Evie è interpretata dalla bellissima Antonia Thomas, conosciuta già per i fan della serialità inglese come Alisha in Misfits (altra serie che consiglio caldamente per chi è appassionato di storie in cui super-poteri particolari finiscono nelle mani di piccoli delinquenti che non sanno che farsene).

I tre amici sono spesso in compagnia di Angus (Joshua McGuire) che, soprattutto nella seconda stagione, è uno dei personaggi più esilaranti che si possano incontrare nelle serie televisive di questi anni.

I dialoghi sono ben costruiti, così come la struttura dei singoli episodi: ogni puntata è intitolata con il nome di una delle ragazze che Dylan deve contattare, perciò ogni puntata ci porta indietro nel tempo, mostrando non solo il rapporto che Dylan ha avuto con queste ragazze, ma anche cosa succedeva ai suoi amici e i triangoli amorosi che, naturalmente, si susseguono tra di loro.

Lovesick sa fare ridere a crepapelle, ma anche piangere, porta felicità e frustrazione, in un modo piuttosto originale che può piacere anche a chi non è appassionato a questo genere di comedy.

Se avete Netflix, cliccate sul pulsante play e non riuscirete più a smettere di guardarla finché non è finita e ne vorrete comunque ancora.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...